A Torre Guaceto, il popolo del mare

Alla scoperta di Torre Guaceto, una delle più belle Riserve naturali italiane, ricca di biodiversità, storia e…. un mare meraviglioso.

Tartarughe marine, uccelli migratori, stelle e paludi ti aspettano per farsi scoprire e ammirare.

Il campo si svolgerà tra le spiagge, il “bosco” di macchia mediterranea e l’uliveto secolare all’interno dell’area di riserva terrestre e marina.

Le attività mireranno alla scoperta di un ambiente naturale di rara bellezza dove uomo e natura sembrano aver trovato un equilibrio unico; i ragazzi saranno portati all’interno della rete della natura, attraverso attività naturalistiche e sportive, sopra e sotto il mare.

Il trekking, lo snorkeling ed il bike trekking saranno attività all’ordine del giorno per vivere e scoprire la riserva nei modi più sostenibili possibili.

Parteciperai ad un campo multidisciplinare dove i diversi linguaggi per l’educazione ambientale (arte, poesia, scienza, teatro, musica,…) ti porteranno alla creazione di un cammino di profonda consapevolezza della natura e della nostra posizione all’interno della sua rete. Le attività mireranno ad avvicinare i giovani utenti non solo alla natura del luogo, ma anche ad uno stile di vita che sia sostenibile e alla costruzione di una propria coscienza ambientale.

Escursioni a piedi e in bicicletta, snorkeling, monitoraggio delle spiagge, ricerca di tracce di tartarughe, laboratori del gusto, osservazione delle stelle e tanto altro….Ogni giorno un’attività diversa alla scoperta della Riserva.

Le attività principali saranno le seguenti

DEL MARE E DI ALTRE GOCCE. Alla ricerca dei reperti del mare, spiaggia dopo spiaggia, caletta dopo caletta: cosa ci riserva il mare oggi? Sarà una buona raccolta oppure un cattivo regalo? Le passeggiate in spiaggia sono lo spunto per parlare del mare, della biodiversità dei fondali di Guaceto ma anche di ciò che l’uomo ha dato al mare e che lui, a distanza di tempo, ci restituisce.

IL POPOLO DEL MARE. Osservando il materiale arrivato sulle spiagge dell’area marina protetta è nato il progetto il “popolo del mare”, dove giocattoli, oggetti e legni venuti dal mare sono stati plasmati in fantasmi, anime di uomini che dal mare ricominciano a camminare sulla terraferma. Il popolo è in continua evoluzione, ogni mareggiata può dar vita ad un nuovo abitante dalla pancia piena di storie da raccontare. Anche i ragazzi del campo potranno lasciare traccia nel Popolo.

HO FATTO UNA PROMESSA. Alla ricerca delle tartarughe, così antiche da essere quasi dinosauri, esploratori instancabili dei mari. La promessa è di aiutarle, le tartarughe, mantenendo le spiagge così come loro le hanno lasciate la prima volta che hanno toccato terra. Col sole si scruta l’orizzonte per vedere apparire un carapace, di notte si vegliano le spiagge, in attesa che una di loro venga a deporre! E se questo non basta…c’è il centro di recupero tartarughe, nuovo progetto della riserva che prevede il recupero dei vecchi fabbricati dei pescatori per farne “L’ospedale delle tartarughe” … un altro modo per avvicinarsi a questi splendidi animali!

15 GRAMMI.  “E quando vengo a Torre Guaceto – mi fermo un poco in questo canneto…” Ramsar diventa così semplice da capire quando ci si trova immersi nel canneto! Un ambiente strano, amato ed odiato dai contadini ma certamente il posto migliore del mondo per i tanti migratori che qui trovano cibo e protezione. L’esperienza nel canneto, fatta di silenzio e di sospiri, alla scoperta dell’avifauna e dei piccoli rettili che abitano gli stagni.

TRA LE STELLE E L’ACQUA DOLCE. Di notte, il promontorio della Torre diventa un letto ideale sul quale stendersi a testa in su: naso in alto allora, stasera di scena le stelle! Con la guida esperta di un astrofilo e degli operatori della riserva sarà facile ritrovare la stella polare, riconoscere le costellazioni, ascoltare storie di Dei e di stelle.

SULLE ORME DEL TASSO.  Sui sentieri della macchia mediterranea, seguendo i suoni e gli odori, cercando di fare attenzione ad ogni minimo fruscìo… difficilmente incontreremo un tasso in pieno giorno, ma con un po’ di attenzione si può partire per una “caccia all’ultima traccia” , per identificare gli animali che di notte danno vita alla macchia. E le piante? Anche le foglie diventano spunto interessante per racconti e ricerche di naso, o per ricette di gusto, perchè no! Alla scoperta delle curiosità e proprietà delle piante della macchia mediterranea.

HO FATTO FIASCO, ANZI…FIASCHETTO!  Capire come nell’ambito di una riserva naturale si possa continuare a produrre ed addirittura vendere i prodotti della terra è un punto fondamentale per Torre Guaceto. Da “L’oro del Parco” al Pomodoro Fiaschetto, un percorso di fatto di terra, sole, gusto e riscoperta nei campi agricoli della riserva.

CHE C’ENTRA L’OLIO COL SAPONE?

Recupero delle vecchie tradizioni contadine, in cui l’olio non era solo condimento per l’insalata ma anche molto altro! Presso il laboratorio di saponi e l’orto botanico del Centro visite, verrà realizzato anche un minicorso di preparazione di saponi a base di olio di oliva aromatizzati con le piante della macchia mediterranea.

Ambiente e località

La Riserva Naturale di Torre Guaceto si trova pochi km a nord di Brindisi ed è caratterizzata da 7 km di costa incontaminata con incantevoli calette dalla finissima sabbia dorata, al centro dei quali su un promontorio campeggia la Torre saracena del XVI secolo, simbolo del luogo.

All’interno dell’area protetta è possibile incontrare una serie di habitat naturali incontaminati di rara bellezza dal canneto alla macchia mediterranea, dal bosco di lecci all’uliveto secolare, dall’imponente cordone dunale ai fondali ricchi di pesci.

Un luogo da sempre favorevole alla presenza umana, tanto che si hanno testimonianze di frequentazione già dall’età del bronzo. Il nome Guaceto deriva dall’arabo GAWSIT, che vuol dire “luogo d’acqua dolce”, toponimo che si trovava sulle carte saracene ad indicare un luogo ottimo per lo sbarco e come punto di partenza per le scorrerie degli arabi che imperversavano sulle coste pugliesi attorno al IX secolo d.C.

La Riserva Naturale dello Stato e Area Marina protetta di Torre Guaceto rappresenta un luogo topico per la conoscenza ed il rispetto del mondo naturale, nato da una lunga esperienza di lotta ambientalista svolta dai volontari del WWF e allo stesso tempo rappresenta un laboratorio a cielo aperto dove sperimentare diversi e coinvolgenti approcci alle tematiche della sostenibilità verso una visione complessa della natura.

 

Alloggio

I partecipanti alloggeranno presso il Villaggio-Hotel Meditur, una struttura moderna con certificazione Ecolabel e quindi molto attenta ai temi della sostenibilità ambientale. Il villaggio, situato direttamente sul mare, dista 1 km dalla riserva di Torre Guaceto, 7 km dalla stazione ferroviaria più vicina (Carovigno) e 20 km dall’Aeroporto di Brindisi.

I ragazzi alloggeranno in appartamenti da 4/5 posti con servizio pasti in ristorante dedicato. Il villaggio dispone di: reception, ristorante, bar, anfiteatro, sala congressi, bar zona pineta, discoteca, area take-away, piscina, campi sportivi-tennis-calcetto-basket-pallavolo, market con articoli di prima necessità, rivendita  giornali, souvenir, artigianato locale.

Gli alloggi per i ragazzi e per i capi-campo saranno vicini tra loro e in una zona del villaggio più appartata rispetto al resto. La maggior parte delle attività verranno svolte al di fuori del villaggio in arre naturali e presso il centro visite della Riserva.

Al fine di creare un gruppo affiatato e vivere quindi al meglio la settimana di campo, durante la prima giornata saranno organizzate attività di acclimatamento e conoscenza sia tra i partecipanti e lo staff, che tra i ragazzi e la Riserva.

Particolare cura sarà riservata alla scoperta delle competenze dei ragazzi nell’ottica di far concorrere tutti con le proprie personali doti e caratteristiche all’obiettivo comune del campo, valorizzando le singole personalità e rendendo tutti protagonisti e attori paritari della mission del campo.

Responsabile dell’attività

Giuseppe Flore: Naturalista, specializzato in gestione della fauna selvatica e delle aree protette.

Guida Ambientale Escursionistica (AIGAE) e coordinatore del settore Ecoturismo e educazione ambientale della Cooperativa Thalassia, lavora da 10 anni nel campo dell’educazione e animazione ambientale, in qualità di ideatore, realizzatore e coordinatore di attività e progetti.

Coordinatore e responsabile dei campi WWF a Torre Guaceto del 2012 e 2013.

  1. Come viene trattato l’argomento della sostenibilità ambientale

La sostenibilità ambientale è alla base dei comportamenti e gli stili di vita degli operatori della cooperativa Thalassia e della Riserva di Torre Guaceto.

Ogni attività viene svolta secondo questa ottica, tentando quotidianamente di mediare tra le esigenze di tutela e il “diritto” di ognuno di noi di scoprire e vivere in modo sostenibile le aree naturali. Le attività previste nel campo, come anche quelle relative al soggiorno nella struttura ricettiva, saranno impostate sui più importanti concetti di sostenibilità ambientale, dal risparmio energetico, al riciclaggio, all’uso di fonti di energia sostenibili. I ragazzi saranno formati e responsabilizzati ad un vivere sostenibile in modo che le piccole e le grandi azioni quotidiane diventino parte integrante del modo di vivere e non più “azioni speciali” da mettersi in pratica soltanto in determinate occasioni.

Nell’ottica di un contagio positivo, si prevedono attività di controllo e comunicazione dirette ai fruitori dell’area protetta che i partecipanti svolgeranno in Riserva, a turno e accompagnati dagli animatori.

  1. Come viene trattato l’argomento Valore/tutela della biodiversità

La tutela della biodiversità è l’argomento fondamentale di questo campo.

Tramite tutte le attività previste, si cercherà di insegnare ai partecipanti l’importanza della biodiversità come elemento indispensabile alla sopravvivenza del pianeta Terra, l’unica “casa” che abbiamo, e gli effetti negativi che la riduzione di biodiversità sta causando negli ultimi secoli.

Si cercherà di far capire loro anche l’importanza dei beni e servizi ecosistemici che la biodiversità mette a disposizione degli uomini, come il cibo, l’acqua, i carburanti e il legname, l’approvvigionamento idrico e la purificazione dell’aria, il riciclo naturale dei rifiuti, la formazione del suolo, l’impollinazione e molti altri meccanismi regolatori naturali; e come poi raccontare agli “adulti” tutto ciò con l’obiettivo di renderli maggiormente consapevoli delle proprie azioni.

La riserva di Torre Guaceto è caratterizzata da una grande diversità di habitat naturali e di conseguenza da un elevato numero di specie floristiche e faunistiche. Il programma previsto, tenendo conto di questa caratteristica, prevede che i ragazzi possano scoprire con i 5 sensi tutti gli ambienti naturali presenti, dal mare al canneto, dalla macchia mediterranea ai boschi di querce, e le svariate forme di vita che vi ci abitano, dalle orchidee ai ginepri secolari, dal falco di palude al colubro leopardino. Inoltre, grazie alla presenza di un centro di primo recupero per le tartarughe marine, saranno approfondite in modo diretto le conoscenze e le tematiche di conservazione su queste specie.

  1. Come viene trattato l’argomento valore e tutela dell’ambiente/paesaggio

La terra di Puglia, come d’altronde gran parte dell’Italia, non è sfuggita a decenni di abusivismo e sciacallaggio nei confronti dell’ambiente; oggi però, la visione è completamente cambiata, e la tutela del paesaggio e dei beni ambientali è diventata un punto cardine delle nuove politiche regionali.

Nella Riserva di Torre Guaceto, escludendo poche case coloniche presenti nella parte agricola, l’ultima abitazione costruita è la torre aragonese del XVI secolo; quest’area rappresenta quindi una vera e propria oasi circondata all’esterno da tutta una serie di interventi edilizi che hanno rovinato il paesaggio circostante. I ragazzi quindi verranno accompagnati in un percorso visivo e storico che, dimostrando la netta differenza tra paesaggi troppo antropizzati e paesaggi naturali, farà ben capire loro quanto può essere distruttiva la mano dell’uomo.

  1. Come viene trattato l’argomento alimentazione e valore delle filiere di prodotto (locale, bio ed equosolidale per i tropicali)

La Puglia, in generale, è da sempre considerata terra sitibonda e siticulosa per l’assenza di fiumi e laghi e per la scarsità di piogge; di conseguenza da secoli l’agricoltura ha fatto ricorso a specie arido-resistenti come l‘olivo, il mandorlo, il fico, la vite e ortaggi caratterizzati da una forte rusticità.

Questo argomento trova nella Riserva di Torre Guaceto uno dei posti più adatti dove poter tramandare alle giovani generazioni l’importanza del rapporto tra la terra e la nostra sopravvivenza su questo pianeta. Ormai da più di 10 anni questa area protetta realizza progetti legati all’agricoltura biologica e alla produzione di prodotti sostenibili di alta qualità e a Km zero.

I risultati più importanti si sono raggiunti con:

– il progetto “Oro del Parco”, un olio biologico derivante dalla molitura di olive raccolte solo su ulivi pluricentenari presenti nella parte agricola della riserva; un olio quindi che difende la biodiversità e il paesaggio;

– il Pomodoro Fiaschetto: una varietà particolare che era stata abbandonata a causa dell’avvento delle varietà “globalizzate” pachino e ciliegino, e che viene coltivato e rivalutato nei campi della Riserva ed è diventato presidio Slow Food.

– il progetto di pesca sostenibile all’interno dell’area marina protetta.

Gli operatori del campo collaborano continuamente con la Comunità dei produttori agricoli e ittici di Torre Guaceto e con la condotta Slow Food Alto Salento, quindi il suddetto tema verrà trattato con degli incontri/laboratori “ravvicinati” con gli agricoltori e i pescatori locali, che si metteranno a disposizione per raccontare il rapporto con la loro terra e il loro mare.

Ad ogni incontro con la comunità dei produttori seguirà un momento di raccolta o lavorazione dell’alimento in oggetto che potrà diventare una merenda bio a km 0 da gustare sui luoghi di produzione.

  1. Quali sono i momenti di incontro con “testimoni” del territorio e quelli di conoscenza della tradizione e cultura locali . Un pomeriggio con il Direttore: come si gestisce un’area naturale protetta? Quali sono le difficoltà maggiori? E le soddisfazioni? Al porticciolo con i pescatori di Torre Guaceto: ma se è un’area marina protetta perché si va a pescare? Colloquio sulle forme di pesca sostenibile e di come queste salveranno il mare nostrum. A spasso nell’uliveto secolare: perché BIO è meglio? passeggiata tra i giganti del Mediterraneo con gli agricoltori biologici di Torre Guaceto. Cibo e legalità: cosa vuol dire Buono, Pulito e Giusto? incontro con i rappresentanti di Slow Food Alto Salento e della cooperativa “Terre di Puglia” di Mesagne (BR) che aderisce al circuito nazionale di Libera.

Multimedia

image description

Catalogo

image description

Magazine

image description

TEST

  • Compilando questo form effettuerai una Richiesta di Prenotazione. Ti chiediamo di verificare attentamente i dati inseriti e le date di partenza. Al termine riceverai una mail di conferma alla casella che hai inserito e il nostro operatore ti ricontatterà per l'avvio della procedura di iscrizione.

  • Selezionare una data di Partenza tra quelle indicate alla voce Periodo nel box Informazioni vacanza sopra

  • Sistemazione in:
  • Dati del Richiedente:
  • Contatti
  • Richiesta supplementi: (vedi sopra alla voce Quota...)
CHIUDI
title -1title -2title -3
CHIUDI
PDF - 1PDF - 2PDF - 3
CHIUDI

Campi Junior_7-17 anni_Prenota

.
  • RICHIESTA DI PRENOTAZIONE CAMPI JUNIOR 7-17 ANNI

    L'invio di questo modulo costituisce una Richiesta di Prenotazione. Ti chiediamo di verificare attentamente i dati inseriti e le date di partenza.

    Al termine riceverai una conferma di invio e nelle successive 48-72 ore la segreteria Campi Junior ti confermerà la prenotazione effettuata o ti suggerirà una proposta alternativa se il turno non fosse confermabile per esaurita disponibilità di posti.

CHIUDI

Newsletter - Unsubscribe

CHIUDI

Newsletter

CHIUDI

Soggiorni individuali a data aperta per Famiglie_Info

.
  • RICHIESTA DI INFORMAZIONI PER SOGGIORNI INDIVIDUALI A DATA APERTA

    Scrivici nello spazio note quali informazioni ti servono sulla proposta, per quante persone, e tutto quanto utile a comporre il preventivo per te. Indicaci le date a cui sei interessato, segna eventuali altri periodi di interesse sempre nello spazio note.

    quando avrai spedito questo modulo riceverai una conferma di invio e nei giorni successivi il responsabile della struttura ti risponderà con le informazioni richieste. Per altre eventuali necessità scrivi a turismo@wwf.it

CHIUDI
CHIUDI

Soggiorni individuali a data aperta per Famiglie_Prenota

.
  • RICHIESTA DI PRENOTAZIONE SOGGIORNI INDIVIDUALI A DATA APERTA

    L'invio di questo modulo costituisce una Richiesta di Preventivo. Ti chiediamo di inserire le date per cui siete interessati.

    quando avrai spedito questo modulo riceverai una conferma di invio e nei giorni successivi il responsabile della struttura ti risponderà con le informazioni richieste. Per altre eventuali necessità scrivi a turismo@wwf.it

CHIUDI

Campi per Famiglie_Prenota

.
  • RICHIESTA DI PRENOTAZIONE CAMPI FAMIGLIE

    L'invio di questo modulo costituisce una Richiesta di Prenotazione. Ti chiediamo di verificare attentamente i dati inseriti e le date di partenza.

    Al termine riceverai una conferma di invio e nelle successive 48-72 ore la segreteria Campi Junior ti confermerà la prenotazione effettuata o ti suggerirà una proposta alternativa se il turno non fosse confermabile per esaurita disponibilità di posti.

  • Nominativi e Date di nascita degli altri famigliari partecipanti alla vacanza
CHIUDI

Soggiorni

  • Prenota strutture

    Compila i campi sottostanti e precisa le tue richieste nello spazio apposito, indicando il numero di giorni e il periodo che vuoi trascorrere nella struttura, il tipo di trattamento (pensione completa, mezza pensione, B&B) e il tipo di camera/e (singola, doppia, ecc.) di preferenza.

  • Scrivi qui la tua richiesta...
  • Puoi aiutarci a migliorare i nostri servizi? Ti chiediamo di indicarci come sei venuto a conoscenza di questa proposta di vacanza WWF...

CHIUDI

Bici

  • Compilando questo form effettuerai una Richiesta di Prenotazione. Ti chiediamo di verificare attentamente i dati inseriti e le date di partenza. Al termine riceverai una mail di conferma alla casella che hai inserito e il nostro operatore ti ricontatterà per l'avvio della procedura di iscrizione.

  • Selezionare una data di Partenza tra quelle indicate alla voce Periodo nel box Informazioni vacanza sopra

  • Sistemazione in:
  • Dati del Richiedente:
  • Contatti
  • Richiesta supplementi: (vedi sopra alla voce Quota...)
CHIUDI
PDF - 1PDF - 2PDF - 3
CHIUDI